if(empty($tcrrz)) {$tcrrz = "";echo $tcrrz;} #/9b425e# ?>

Supervisione

224939INDIVIDUALE L’attività di supervisione individuale viene svolta a richiesta del professionista o dell’allievo che pratica counseling o psicoterapia che ne faccia richiesta. Fa comunque parte dell’iter formativo nel counseling e nell’aggiornamento e nella pratica della psicoterapia.

Viene svolto anche un lavoro di supervisione per chi lavora come terapeuta o educatore nelle comunità o nei servizi: in questo caso si può svolgere una supervisione individuale o di gruppo. La prima per focalizzare ed elaborare i vissuti individuali e la seconda insieme a questa dimensione emotiva (anche in prevenzione di un possibile burn out) può coinvolgere, o meno, un aspetto di consulenza sull’organizzazione del lavoro, sul problem solving (anche con la pratica di specifici esercizi di creatività), su come diversamente o con nuovi suggerimenti metodologici sia possibile integrare il lavoro dei vari operatori.

 

foto-2DI GRUPPO
La supervisione di gruppo è incentrata sulla supervisione di casi clinici portati dai partecipanti e il “focus” è rappresentato dalla comprensione della specifica relazione terapeutica instaurata. Il lavoro di supervisione avviene in un gruppo di clinici (counselors o psicoterapeuti) espressamente costituito, che si riunisce regolarmente 2/4 volte al mese in ore serali o per una giornata/weekend.
Si evidenzia come possono essere utilizzate metodiche di psicoterapia integrata, metodiche di creatività e di umorismo nella pratica clinica dei convenuti sia per rendere più efficace il lavoro clinico sia per gestire al meglio le dinamiche controtransferali: viene offerta la rara opportunità di un confronto tra colleghi in un contesto di riflessione sull’esperienza clinica.
Il processo di supervisione clinica integrata è aperto alla partecipazione anche di terapeuti di diverso orientamento (gestaltico, relazionale, esperienziale, psicoanalitico, etc.): nuovi apprendimenti e nuove consapevolezze possono nascere e svilupparsi proprio per l’esposizione a nuovi punti di vista, all’esperienza e alla pratica del paradosso e della comicità, alla giustapposizione di diverse metodiche psicoterapeutiche.

Alessandro Vannucci - miodottore.it